UBUNTU 19.04 Disco Dingo

UBUNTU 19.04 Disco Dingo

tlcomm,cristiano,cottignoli,consulenza,informatica,sviluppo,software,telefonia,ip,siti,web,mobili,app,telecomunicazioni,vendita,online,notebook,personal,computer,refurbished,ricondizionati

Rilasciata la nuova versione del sistema operativo Linux Ubuntu.

Ubuntu Disco Dingo ultima versione della famosa distribuzione Linux, non è una release LTS e verrà supportata sino al mese di gennaio 2020. Nonostante ciò si presenta con novità di un certo rilievo che semplificano l’esperienza di utilizzo di Linux.

Ubuntu 19.04 è distribuito con Kernel 5.0, con GNOME 3.32 e conseguenti novità e applicazioni aggiornate alla versione 3.32.1: Shell, Settings, GDM3, GEdit, Software, Terminal e altre.

Diverse le componenti aggiornate: GCC 8.3, Glibc 2.29, Boost 1.67, Rustc 1.31, Python 3.7.2, Ruby 2.5.3, PHP 7.2.15, Perl 5.28.1, Golang 1.10.4, Libvvirt 5.0, QEMU 3.1 e OpenJDK 11. Naturalmente troverete l’ultima versione di Mozilla Firefox, la 66.0, nonchè la Suite per ufficio Libre Office 6.2.2 insieme all’ultima versione di Nautilus completa del set di icone Yaru, nella versione aggiornata del tema che permette il passaggio delle icone dalla forma standard squircle a quella libera.

Altre novità sono: Mesa 19.0, driver open-source per GPU, alternativa ai driver proprietari dei chipset nVidia; installazione di VmTools sulle macchine virtuali VmWare; modalità provvisoria grafica selezionabile in fase di boot.

Gnome 3.32 include tra le altre funzionalità anche la regolazione di intensità della luce notturna, l’avatar utente in forma circolare, accesso immediato a Google Drive, gestione avanzata dei permessi delle app così come d’abitudine su dispositivi mobili Android e iOS.

Non ultima per importanza la nuova funzione Live Patch che permette di aggiornare le versioni del Kernel senza necessariamente riavviare il sistema, il supporto ad AMD FreeSync con schermi touch per Raspberry Pi e la crittografia Google Adiantum, il nuovo sistema di crittografia nato per la memoria interna dei dispositivi mobile meno potenti, come smartphone e tablet economici, smartwatch e indossabili studiato per essere utilizzato quando manca lìhardware dedicato per l’accelerazione della codific e decodifica dei dati.

Condividi con i tuoi amici

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *